Al viaggiatore curioso ed al turista occasionale, Pollica offre un affascinante connubio di arte, natura, tradizione, tranquillità e mistero. Con la sua gustosa e salutare gastronomia e la calorosa generosità dei suoi abitanti si erge a meta turistica tutta da scoprire.
Il Comune di Pollica si presenta come una piccola costellazione di borghi, alcuni volti al mare altri ai monti. La costa presenta scenari variegati: dalla spiaggia morbida, dorata e ampia acciarolese, alle caratteristiche spiaggiette sassose pioppesi, passando per i dirupi selvaggi e scoscesi che si dipanano tra le due località.
I gioielli di architetture medioevali che sono i borghi di Pollica, Celso, Galdo e Cannicchio, rendono il comune attrattivo, non solo per l’offerta marittima, ma anche per un turismo sostenibile e culturale. Il Comune di Pollica oggi, e da lungo tempo, è stato premiato per le sue politiche di forte attenzione e conservazione del patrimonio artistico culturale e soprattutto ambientale. Si tratta di un territorio premiato dal 1987 con la Bandiera Blu d’Europa, le Cinque Vele del Touring Club e ascritto al prestigioso
retaggio nazionale e internazionale di Cittaslow.

Il Cilento,  terra di storia, mito, arte e cultura, con i suoi scenari incontaminati, il suo mare cristallino e soleggiato, i piccoli borghi medievali arroccati sulle colline, i suoi boschi profumati di erbe e le sue montagne. E’ caratterizzato da un paesaggio assai vario tale da renderlo bello e affascinate al turista che lo visita per la prima volta. Conosciutissime sono le sue spiagge di sabbia vellutata e le sue coste contrassegnate da anfratti e baie sabbiose alternate a promontori dominati da antiche torri di guardia: Agropoli, S. Maria di Castellabate, San Marco, Acciaroli, Palinuro, Marina di Camerota, tutte mete importanti del turismo balneare nazionale ed estero e vere meraviglie della penisola italiana. Un susseguirsi continuo di piccole insenature e di arenili rendono meravigliosa tutta la costiera cilentana, da Paestum fino a Sapri.